Benvenuti nel mio blog!!! - Emozioni Dietro L'Obiettivo ...

6 ottobre 2010

Test Big Stopper Lee - Chiesa di San Michele, Brendola (VI)

Test sul campo...

05/10/2010. Approfittando di una serata tranquilla, prima di cena mi sono recato a Brendola (VI) con l'intento di salire al castello per il tramonto: obiettivo testare il filtro ND "Big Stopper" della Lee sul campo nelle condizioni di luce più critiche. Arrivato sul posto, però, sono stato costretto a modificare i miei piani: infatti il castello era inagibile!! Così sono sceso malvolentieri nella piazzetta antistante la chiesa di San Michele, inaugurata nella versione attuale nel 1890, ma costruita sfruttando le fondamenta di edifici del VI-VII secolo.


Venendo al nostro filtro, riporto di seguito le caratteristiche principali:

- Categoria: filtro Netural Density (ND)
- Tipologia: filtro a lastrina
- Tempo esposizione: +10 stop
- Misure: 100x100mm
- Materiale: vetro, isolante
- Prezzo: circa 115 € + s.p.



A essere precisi, il filtro non è propriamente un filtro "ND" e non tutti i filtri sono precisamente da 10 stop! Ma andiamo con ordine...

Ho utilizzato per il mio test una Nikon D40 e un Nikkor 12-24 f/4 (mi sono però già confrontato con un amico che ha testato il filtro su Nikon D300 arrivando alle stesse conclusioni! Inoltre le notizie che ho trovato sul web sono sovrapponibili per la maggior parte a ciò che sto per scrivere).

Utilizzo
Il suo utilizzo è molto semplice: si compone la foto come meglio si desidera e si calcola il corretto tempo di esposizione senza l'utilizzo del filtro ND (già in questa fase è opportuno posizionare i vari filtri GND o Pola aggiuntivi); con un rapido calcolo (o sfruttando il comodo flogliettino sulla trasformazione dei tempi di esposizione fornito nella confezione) si ottiene il tempo di esposizione per l'utilizzo del filtro; a questo punto potremmo montare il filtro e dare inizio alla nostra foto! [N.B.: viste le proprietà del filtro stesso, nella maggioranza delle occasioni in cui si sfrutta il tempo di esposizione supera i 30"; consiglio quindi di munirsi di un comando remoto per lo scatto]

Ora concentriamoci sulle sue qualità...

Dominanti
Lasciando le impostazioni del bilanciamento del bianco (WB) on camera su AUTO, la nostra foto risulterà al termine dell'esposizione tendenzialmente blu, con un'alterazione cioè delle cromie naturali, alterazione comunque abbastanza semplice da correggere in pp anche per chi poco ci sa fare con i programmi di fotoritocco. Ovviare al problema, però, è molto semplice! Prima di effettuare il nostro scatto è sufficiente impostare on camera il WB il più "caldo" possibile (solitamente se non erro a 8900°K). Facendo questo la foto sarà quasi pronta: quasi in quanto persisterà una debole dominante blu, ma basterà un rapido intervento sul WB in pp per sistemare le cose. Confrontando questo filtro con il suo più diretto avversario, il B+W ND110, la dominanza è il primo punto a favore per il Lee; infatti la dominanza magenta restituita dal B+W è davvero difficile da eliminare il pp per riportare i colori al loro splendore naturale, nonostante i vari tentativi di correggere il wb on camera (ho testato anche il B+W ND110 grazie alla concessione di un amico!)...



WB on camera su AUTO; nessuna correzione del WB in post produzione



Correzione del WB in post produzione (8900°K, valore massimo impostabile on camera)


Tipologia
Altro punto cruciale che vede in competizione i due filtri appena menzionati è la loro tipologia. Mentre il B+W è un filtro a vite (con gli svantaggi che comporta, su tutti la difficoltà ad utilizzarlo in associazione con altri filtri e, non da meno, la "vignettatura" che produce a focali molto corte), il Lee è a lastrina. Il filtro così è facilmente inseribile nell'apposito holder (Foundation kit, Lee) e si può tranquillamente utilizzare in associazione con ulteriori filtri senza oltretutto perdere mm di focale molto preziosi! Le uniche accortezze che è necessario utilizzare sono: 1) una volta impostata la corretta messa a fuoco, è indispensabile impostare tale controllo su manuale prima di premere l'otturatore altrimenti la fotocamera non sarà in grado di procedere con lo scatto (sarebbe come chiedere all'esposimetro di funzionare in piena notte!); 2) inserire il filtro nel primo slot per evitare infiltrazioni di luce molto spiacevoli. Il filtro ai lati è munito di un materiale isolante che permette al vetro di aderire perfettamente alla plastica dell'holder, eliminando così gli altrimenti inevitabili flare&C.

Esposizione
Seconda cosa da precisare riguarda il tempo di esposizione che il filtro permette di ottenere: come dichiarato anche dalla casa costruttrice nella confezione del filtro, esso può aumentare l'esposizione dai 9 stop e 1/3 fino ai 10 stop e 2/3!! Si rende quindi necessario un piccolo test al momento dell'arrivo del filtro per "scoprire" quanto nero è il nostro vetro!

Costruzione
Le misure 100x100mm lo rendono utilizzabile con tutte le principali ottiche in commercio (basta munirsi dei rispettivi anelli adattatori; questa caratteristica lo rende abbastanza sovrapponibile al B+W).

Il materiale di fabbricazione è di primissima qualità: già prendendolo in mano lo si capisce dal suo peso; per preservarne la funzionalità, però, consiglio di acquistare l'apposito panno portafiltri Lee.

Il prezzo di certo non è tra le caratteristiche più accattivanti (acquistando il B+W si risparmiano super giù 20-30 €), ma, come tutto il materiale Lee, la sua qualità ci spinge a fare anche questo sacrificio!


Aspetti negativi
Finora sono emersi esclusivamente gli aspetti positivi del filtro! Ma ahimè ci sono anche dei contro...
Abbiamo già menzionato la sua non completa neutralità. Ma altro punto a sfavore del filtro è la vignettatura in cui si occorre: gli angoli della foto risulteranno sottoesposti e richiederanno un intervento selettivo in pp, con una conseguente perdita di qualità.



Esempio estremo di vignettatura con l'utilizzo del Big Stopper Lee; nessun intervento in pp


In campo paesaggistico la sua impiegabilità è a volte limitata: 10 stop risultano "pochi" per ottenere delle vere lunghe esposizioni di giorno (in presenza del sole l'esposizione varia circa tra i 2" e i 10", più che sufficienti per l'effetto seta dell'acqua, ma pochi per ottenere l'effetto scia delle nuvole o il livellamento delle onde di un lago/mare; personalmente spesso lo utilizzo in associazione con un filtro ND da 2 stop per prolungare l'esposizione fino ad un paio di minuti; le cose cambiano nel caso in cui non ci sia luce solare), ma a volte troppi per poter esporre correttamente la scena, soprattutto con la luce dell'alba o del tramonto! Senza l'impiego di altri filtri, l'esposizione (con sole alle spalle al tramonto/alba) si aggira tra i 2'-3'30", tempo più che accettabile. Ma se pensiamo che a questo tempo dobbiamo magari aggiungere altri 3 stop per l'uso di un GND 0.9 (filtro graduato ND da 3 stop, il più appropriato in queste condizione di luce), il tempo di esposizione lieviterà in modo eccessivo: arriveremo a 15'-30' di esposizione (senza contare il cambiamento di luce tipico di questi momenti)!!! Bisognerà quindi essere molto accorti nel valutare la condizione di luce per utilizzare questo filtro. Sarebbe molto interessante se la Lee producesse un filtro a lastrina da 6 stop... (esiste in commercio un filtro ND da 6 stop della B+W, ma non ho mai avuto l'occasione di provarlo... resta però il fatto che come il fratello maggiore è a vite!). [I parametri precedentemente esposti sono riferiti al sensore della Nikon D40 impostato su una sensibilità ISO di 200 e a chiusura del diaframma a f/16; riducendo l'apertura del diaframma (a) o alzando la sensibilità ISO (b) sarà possibile ridurre il tempo di esposizione, con le ben note conseguenze che queste operazioni porteranno - a) diminuzione della profondità di campo; b) aumento degli artefatti digitali prodotti dal sensore quali ad es. il rumore]
Non ho mai testato la sua impiegabilità in altri campi come quello dell'architettura.



Ritornando al nostro esperimento, nella foto a seguire mi trovavo con la luce del tramonto con il sole alle spalle (erano proprio gli ultimi minuti di luce sfruttabili!); non volendo modificare diaframma e sensibilità ISO, sono stato costretto ad evitare l'uso di ulteriori filtri e recuperare la porzione di terra successivamente in pp. Questo anche perchè la conformazione del soggetto poco si addice all'uso di filtri GND siano essi hard o soft...





Dati exif: Fotocamera: Nikon D40 - Ottica: Nikkor 12-24mm f/4 - Lunghezza focale: 12mm - Diaframma: f/16 - Sensibilità ISO: 200 - Tempo di esposizione: 208.2" - Filtri: Big Stopper Lee

In questo caso il filtro ha restituito un tempo di esposizione ottimale per avere la scia delle nuvole, restituendo un'atmosfera più particolare alla foto [starà poi al gusto del fotografo e al suo intento capire se l'effetto sia appropriato o meno all'immagine che si accinge a scattare].



In un'altra occasione il filtro Big Stopper mi era tornato molto utile; mi trovavo sulle rive di un lago dolomitico ai piedi delle Torri del Vajolet.





Dati exif: Fotocamera: Nikon D40 - Ottica: Nikkor 12-24mm f/4 - Lunghezza focale: 12mm - Diaframma: f/16 - Sensibilità ISO: 200 - Tempo di esposizione: 25" - Filtri: Big Stopper Lee, 0.6 ND Grad Soft Lee

Questa volta il filtro mi ha permesso di imprimere sul sensore differenti momenti di luce: infatti nel corso dell'esposizione i raggi solari hanno baciato qua e là il soggetto. Il risultato è stato di esser riuscito a catturare il bellissimo riflesso nell'acqua, addolcendo poi il passaggio tra le zone di ombra e di luce sfumandone le tonalità [anche qui l'effetto può piacere o non piacere...].



Riassumendo...
Pro:
- Facilità di utilizzo (filtro a lastrina) [++]
- Materiale di fabbricazione (vetro e isolante) [++]
- Misure di costruzione [++]
- Neutralità del filtro (se paragonato con la concorrenza) [+]
- Impiegabilità di giorno [+]

Contro:
- Prezzo [-]
- Vignettatura [-]
- Impiegabilità limitata nei momenti di luce migliore [--]


Riporto di seguito due interessanti review che mettono a confronto il Big stopper Lee con il ND110 B+W (qui) e il Big Stopper con il 10 Stop Hitech (qui).

8 commenti:

Stefano Cuccolini ha detto...

Ciao Enrico!
ottima recensione!
Io però l'ho venduto..davvero non mi ci trovavo! anche con WB caldissimi per me le tonalità rimanevano troppo fredde e di perdere tempo in PP a riscaldarli con altri mezzi di Photoshop era una palla assurda :-(

Enrico ha detto...

Max, riporto il tuo commento che erroneamente ho eliminato:

Bravo Enrico, molto interessanti e dettagliate le tue considerazioni.
Ciao Max

Enrico ha detto...

Grazie Max per la tua osservazione!! caspita però appena postato e già letto... sei stato un fulmine!!

Enrico ha detto...

Cio Stefano!!
L'hai già venduto!? mannaggia a te!! Io per alcuni versi mi ci trovo bene, ma sto aspettando un nd da 6 stop della Lee... non penso che lo venderò comunque (se non al più per far cassa), anche perchè a me la dominante non appare così fastidiosa, in un secondo in CNX2 la si sistema (o alzando i °K oppure impostando il punto di grigio, ci vuole veramente un attimo!); con CS invece non so bene cosa si debba fare, non lo uso quasi più per sviluppare il raw...

Stefano Cuccolini ha detto...

Il fatto è che anche i risultati che ottenevo non mi piacevano e non avevo molta pazienza nello scattare con questo filtro: di mettermi li con treppiedi durante un escursione in montagna proprio non mi andava giù!..bisogna avere molta fortuna per ottenere certi effetti sulle nuvole! a volte ti viene un ammasso impastato che è uno schifio :-(

Enrico ha detto...

Questo è assolutamente vero!! saper valutare le correnti è indispensabile soprattutto quando lo si vuole usare per ottenere l'effetto che dici! e oltre aver perso tempo per non ottenere nulla,si è persa anche l'opportunità dell'attimo di luce buono magari... bisogna essere molto accorti (e qui concordo con chi penserà: "e chi me lo fa fare di spendere tutti sti soldi per un filtro che userò si e no 3-4 volte all'anno??"). Nelle escursioni di montagna è impensabile il suo impiego, fatta eccezione per quelle rare occasioni in cui ci si possa permette una buona pausa arrivati in meta, come è stato per me quando sono salito alle Torri del Vajolet: quasi 3 ore di attesa prima di ottenere ciò che volevo!! ma era difficile allontanarsi da quel paradiso...

Simone ha detto...

Ciao Enrico, ho letto molto volentieri questo tuo articolo... in effetti il B+W l'ho venduto proprio per il motivo da te citato, su D300 la dominante era ancora ancora correggibile ma su 5DMKII mi sono ritrovato ad avere foto dai colori assolutamente irreali e difficilmente recuperabili...
Ho notato però che questo Big Stopper non è più disponibile sul sito di Robert White, se già occorrono mesi per avere i gradual Lee non oso immaginare questo che tempi bilblici possa avere!!

Enrico ha detto...

Simo ti ho risposto via mail... comunque la Lee è in grossa difficoltà con la botta di ordini che ha ricevuto!!
Questo vetro però è davvero di qualità!!

ATTENTION

All images contained in this site and their respective copyright are the sole property of Enrico Grotto and as such are protected by Italian and International Copyright Laws. They may not be copied or downloaded in part or whole using any digital, electronic or photographic means or stored in a retrieval system by any person(s), company or companies without prior written permission of the owner-photographer. For whichever use or information you can contact me via email. Thanks.