Benvenuti nel mio blog!!! - Emozioni Dietro L'Obiettivo ...

26 agosto 2009

Il Rif. Pradidali

Nel cuore della dolomia...

Partenza: Cant Del Gal (1180m s.l.m.)
Arrivo: Rif. Pradidali (2278m s.l.m.)
Dislivello: 1098 m
Durata: 3,5 - 4 h (dipende dalle pause)
Difficoltà: EE

Un luogo che ha dell'incredibile, camminando ai piedi di cime vertiginose alte più di 2500m lungo un torrente fino a giungere nel cuore dolomitico delle Pale di San Martino di Castrozza.
Il sentiero si sviluppa all'interno del Parco Naturale di Paneveggio e delle Pale di S. Martino di Castrozza, quindi è d'obbligo conoscere la normativa vigente prima di accedervi (www.parcopan.org)!!
La Val Canali e la Val Pradidali si sviluppano nel versante sud delle Pale di S. Martino a cui si accede dal paese di Tonadico, frazione di Fiera di Primiero. Si imbocca la strada verso il Passo Cereda, ma dopo qualche km la si abbandona per seguire le indicazioni per la Val Canali che si percorrerà interamente fino all'albergo Cant del Gal (1180m s.l.m.), luogo di partenza. Il parcheggio in tutta la valle è a pagamento (4 euro l'intera giornata) e non è possibile sostarvi prima delle 7:00 e dopo le 21:00 (vedi la normativa vigente: Regolamento dell'accessibilità al parco).
Ora si intreprende l'ampia strada che procede verso nord per imboccare così la Val Pradidali costeggiando l'omonimo torrente. Partendo di buon mattino si potrà ammirare la magia dei primi raggi di sole che inondano di luce le vette.



D40, Nikkor 12-24 a 12mm, f/16, ISO 200, 1/20". GND8 P121s, Mano Libera


Trovo molto fastidiosa in questo scatto la demarcazione del gnd, ma per non bruciare le cime o rendere poco leggibile la parte inferiore era l'unica scelta sul campo; altrimenti avrei dovuto utilizzare un gnd4 esponendo correttamente le cime e poi recuperare in pp le ombre...

La valle è ancora avvolta nel fresco abbraccio delle ore notturne ormai lontane, mentre il calore delle cime riscalda già i nostri cuori... Dopo le abbondanti nevicate dell'inverno, l'acqua ha trascinato a valle numerosi detriti disseminandoli sul letto del fiume: un grosso tronco è troppo attraente per non provare a costruire uno scatto...



D40, Nikkor 12-24 a 12mm, f/16, ISO 200, 1/40". GND2 P121l, Mano Libera


Nonostante il mese di luglio abbia superato la metà, sono numerose le specie floreali che colorano con la loro fioritura i bordi del sentiero: un rododendro in ombra cattura la mia attenzione...



D40, Nikkor 12-24 a 12mm, f/16, ISO 200, 1/50". GND4 P121m, Mano Libera


Percorso tutto il lungo valle, inizia la salita vera!! Ancora più di 500m di dislivello ci separano dalla meta... Il sentiero ora si inerpica con ripidi zig-zag, a volte esposti ma attrezzati con corda di acciaio (nulla di pericoloso fatta eccezione in presenza di neve/ghiaccio); in un canalone in ombra è ancora presente una lingua di neve che interrompe il sentiero: è necessario passarci sopra!! Ma proprio mentre sto attraversando il nevaio, il sole sbuca tra due vette alle mie spalle, accarezzando con i suoi raggi la neve sporca... non potevo non prendere il mano la reflex per portare a casa quel momento!!



D40, Nikkor 12-24 a 12mm, f/22, ISO 200, 1/160". GND8 P121s, Mano Libera


I problemi per questo scatto sono stati due: comporre cercando di mantenere l'armonia delle dune scavate dalla pioggia; esporre in modo da esaltare la luce sulla neve, facendola staccare dalle pareti in ombra (per questo sono ricorso al GND8)...

Ormai la quota 2000 è superata e svoltando ad est intravediamo in lontananza il rifugio; l'apparenza inganna però, manca ancora parecchia strada, anche se ora siamo a tu per tu con tutte le cime che circondano la valle: il Cimerlo (2501m s.l.m.), il Sass Maor (2814m s.l.m.), la Cima di Ball (2802m s.l.m.), la Torre e la Cima Pradidali (2744m s.l.m.) e la Cima Canali (2900m s.l.m.)... un ciuffo di silene muscaria è ciò su cui decido di costruire il primo piano per qualche scatto verso il rifugio e la Torre Pradidali...



D40, Nikkor 12-24 a 12mm, f/16, ISO 200, 1/60". GND4 P121m, Mano Libera


Ancora a bocca aperta per lo scenario che stiamo gustando giungiamo ai piedi del Rif. Pradidali (2278m s.l.m.): impossibile non portare a casa un ricordo di questa costruzione di pietra e dello scenario che la circonda.



D40, Nikkor 12-24 a 12mm, f/16, ISO 200, 1/80". GND4 P121m, Mano Libera



D40, Nikkor 12-24 a 15mm, f/16, ISO 200, 1/125". GND2 P121l, Mano Libera


Proseguendo il cammino di può scendere fino al Lago Pradidali (2242m s.l.m.), situato in una conca in cui la pura dolomia la fa da padrone!! Una recentissima frana della Torre Pradidali mostra la purezza della roccia esposta ora alle intemperie del tempo...



D40, Nikkor 12-24 a 12mm, f/16, ISO 200, 1/125". GND2 P121l, Mano Libera



D40, Nikkor 12-24 a 12mm, f/16, ISO 200, 1/125". GND2 P121l, Treppiedi


La realizzazione di quest'ultimo scatto è stata tanto decisa quanto problematica!! Il continuo mutare della luce rendeva necessario l'utilizzo di un differente filtro gnd; posizionare la lastrina solamente guardando il mirino è un'impresa se si è privi di allenamento e del tasto per la profondità di campo; posizionare correttamente la reflex in modo da evitare pendenze sgradevoli se non si possiede una bolla è ancora peggio!! l'utilizzo del polarizzatore dopo alcuni scatti è stato abbandonato (il beneficio su riflesso e colori non pareggiava il mancato uso del gnd: con un holder wide-angle Cokin è possibile montare un solo filtro)... mi sa che i 60 euro spesi per questo filtro sono stati il peggior investimento che ho fatto!!

Il percorso è lungo ed è necessario un ottimo allenamento e una buona conoscenza della montagna per affrontarlo, nonostante sia molto ben segnalato; reputo questa una delle più affascinanti escursioni che abbia mai affrontato!! Uno scenario imperdibile...



__________________________________________________________________________________

Ti potrebbero interessare anche...

I Laghi di Colbricon e la Cima Cavallazza

Tempo: 3,5 h (percorso ad anello)

Difficoltà: E

Il Rifugio Mulaz

Tempo: 3,5 h

Difficoltà: EE

I laghi di Juribrutto

Tempo: 4,5 h (percorso ad anello)

Difficoltà: EE


8 commenti:

Stefano Cuccolini ha detto...

ma dai il rifugio Pradidali!! ci credi che io l'ultima volta che sono stato in Trentino sulle dolomiti è stato proprio a San Martino di Castrozza con i miei zii e miei nonni e la vacanza si è conclusa proprio con questo giro!! ero piccolo ma mi ricordo bene il giro effettuato! avrò avuto 8-9 anni
nulla da dire sulle foto....splendide!!

Enrico ha detto...

Ciao Stefano!! Pensa un po' te le coincidenze!! è una bella scarpinata però merita e alla fine non si sente nemmeno a fine giornata!!
Grazie infinite per il tuo commento!!

Marco ha detto...

Bellissime foto nulla da dire, spero di arrivare a fare delle foto così un giorno. La passione ce la metto, condividiamo anche quella per la montagna!
ciao un saluto

Enrico ha detto...

Ciao Marco! è un piacere vederti sul mio blog!! e grazie infinite per il commento!!

Nessuno nasce già imparato, quindi sono sicuro che anche tu troverai il tuo stile, io lo sto ancora definendo!! la passione poi è l'arma vincente, ma se non si possiede un buon bagaglio di conoscenze tecniche non si va da nessuna parte a mio avviso!! inoltre è necessario allenare molto anche l'occhio!! ti consiglio poi per imparare di condividere le tue foto senza timori, vedrai che la qualità delle tue immagini aumenterà esponenzialmente!!

Buona luce e buona montagna allora!
A presto,
Enrico

diego ha detto...

ciao enrico è da un po che ti seguo sul flickr...il blog è figo , e mi piaccion le descrizione pure!
bravo

Enrico ha detto...

Ciao Diego!!
Sono davvero contento di vederti anche qui!! ormai su flickr posto solo una selezione dei miei scatti, mentre il blog è più una passione e mi diverto a completare i testi delle mie esperienze con un buon numero di foto!!
... ma presto spero di riuscire ad effettuare una sostanziale modifica al blog!! vedremo...

Ciao e spero di leggere ancora qualche tuo commento qui ;-)

lucabargagli ha detto...

Davvero delle immagini stupende Enrico!!
Complimenti anche per il blog, davvero molto ricco ed interessante!

lucabargagli ha detto...

Davvero delle foto stupende Enrico!!
complimenti anche per il blog molto ricco ed interessante!

un saluto
Luca

ATTENTION

All images contained in this site and their respective copyright are the sole property of Enrico Grotto and as such are protected by Italian and International Copyright Laws. They may not be copied or downloaded in part or whole using any digital, electronic or photographic means or stored in a retrieval system by any person(s), company or companies without prior written permission of the owner-photographer. For whichever use or information you can contact me via email. Thanks.